ASSOCIAZIONE ONLUS PER ADRIANA di Catania contro i disturbi del comportamento alimentare e obesità

Il progetto dall’Associazione Onlus per Adriana è nato perché insieme si possa usufruire di una struttura convenzionata su Catania diminuendo la richiesta di interventi fuori regione e diagnosticare fin dalla fase di esordio i disturbi dell’alimentazione e potenziare le cure anche in regime semiresidenziale, riducendo il rischio di aggravamento della patologia.

L’iniziativa nasce per rispondere al bisogno crescente di salute e di terapie specifiche per le persone di tutte le età affette dal disturbo del comportamento alimentare (D.C.A.).

L’obiettivo è di favorire l’attenuazione dei D.C.A. e in ultimo la guarigione.

 

 Per visualizzare l’elenco completo delle attività delll’Associazione clicca qui.

5 risposte a “ASSOCIAZIONE ONLUS PER ADRIANA di Catania contro i disturbi del comportamento alimentare e obesità

  1. Buonasera,

    Mi presento, sono il padre di una ragazza di soli 15 anni che adesso sta finalmente uscendo da un DCA durato tre lunghissimi anni. La durissima battaglia che mia figlia e l’intera mia famiglia ha dovuto combattere in questo lungo periodo mi ha portato l’anno scorso a cercare uno sfogo nella scrittura. Così la sera, chiuso nella mia amarezza, nei miei sensi di colpa, nel mio dolore, ho cominciato a scrivere la nostra storia per trovare un po’ di sollievo. Solo a racconto terminato, poi, facendolo leggere a mia figlia, è nata la decisione di provare a pubblicarlo ed è stata proprio lei a spingermi a farlo, anche se mia moglie ha voluto mantenessi l’anonimato. Non c’è niente di cui vergognarsi, lo so bene, e lo abbiamo capito tutti molto bene, solo che mia figlia aveva da poco cambiato scuola e voleva fare un reset, preferendo non farsi associare alla malattia anche dai suoi nuovi compagni. Se ne avrà voglia sarà lei a raccontare la sua storia a chi vorrà.

    Così, senza averlo fatto ricorreggere o ricontrollare proprio da nessuno, ho inviato il testo ad una nota Società Editrice cui è piaciuto molto e che ha deciso di pubblicarlo così come l’ho scritto, senza modificare neppure una parola.

    Niente di accademico naturalmente, non mi permetterei mai! Solo una storia scritta davvero col cuore e sulla nostra pelle, una storia che credo valga la pena leggere e far leggere. Tanti altri libri di certo meglio del mio saranno sicuramente stati scritti finora su questo delicato argomento, ma questa è la nostra storia, una storia terribilmente vera nei particolari, negli aneddoti e in ogni altra cosa. Se in quei momenti così bui mi avessero dato in mano un libretto come questo lo avrei letto molto volentieri e ne avrei trovato grande giovamento, perché mi sarei rivisto in tante cose, in tante scene, in tante frasi, e forse mi sarei sentito anche un po’ meno solo. Per questo credo che potrebbe essere utile a tanti genitori o alle loro figlie.

    Niente di terapeutico, come ho detto, ma un aiuto con una chiave di lettura diversa e un po’ più leggera, quello forse sì.

    Mi piacerebbe che poteste leggerlo, o addirittura consigliarlo… per me sarebbe bellissimo sapere che il mio libro è potuto servire per dare anche solo un po’ di aiuto a chi ne ha bisogno.

    Il libro si chiama “Scendo all’infermo ma mi fermo in Paradiso”, ed è edito da Europa Edizioni, Autore: Padre Anonimo e sarà presto disponibile sia in versione cartacea che digitale sulle principali piattaforme on line e nelle principali Librerie.

    Per adesso Vi sto scrivendo in forma anonima, usando un account da me creato appositamente per non usare la mia mail personale (Ian Orex e’ una sorta di anagramma della parola Anorexia…), ma resto ovviamente a Vs. disposizione per qualunque cosa o spunto di riflessione.

    Se mi fornite la Vs. mail Vi posso inoltrare in pdf la locandina di presentazione del libro.

    RingraziandoVi per l’attenzione che mi avete comunque già un po’ dedicato leggendo questa mia lunga mail, resto a Vostra disposizione e porgo cordiali saluti.

    Un Padre Anonimo

    "Mi piace"

  2. Avrei.bisogno di essere seguita da un buon pediatra (io sono di s g la.punta), da un buon nutrizionista e psicoterapeuta infantile per mia.figlia.di 10 anni che non mangia come prima e per 1,45 di aktezza pesa poco piu’ di 25 chili. Sono.di.s g la punta (ct). Il problema che mia figlia avendo.avuto.un percorso.terapeutico.stressante.rifiuta.tuti i.dottori e non so.come approcciarmi…anche mio marito rifiuta il problema di sua.figlia e.pensa che.solo.con delle.punture.ricostituenti possa risolvere il problema…ma io da mamma so che in mia figlia durante.il lockdown e’ scattato.qualcosa.
    Vorrei avere.un aiuto (a livello.clinico abbiamo fatto gli accertamenti.e non ha.nulla). Sapere come comportarci…non vogliamo che viva il mangiare come stress
    Il mio numero e’ 3928536273

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...